Quel braccio della Magliana

Girovagando per Roma, nella zona che da Ponte Galeria si estende a nord verso via Portuense, al centro del quadrante sud-ovest della capitale, ci si imbatte in un quartiere di recente urbanizzazione, ma che conserva ancora tracce del proprio passato rurale. Esso è attraversato da un ponte che passando sopra al fiume omonimo dà alla zona tanto il nome quanto la celebre fama. Una fama che ha scandito dalla seconda metà degli anni “70” la vita del quartiere della Magliana, conferendole l’immagine negativa di fucina del crimine romano. In verità , nonostante gli anni siano passati e la banda della Magliana non faccia più notizia( salvo sporadici episodi riportati dalla cronaca nera locale ), si continua a pensare alla zona in questi termini, come se il degrado e l’immoralità siano destinati a rimanere impressi per sempre nel dna culturale del quartiere. A onore del vero, per quel che riguarda la banda della Magliana, essa fu un fenomeno che non rimase circoscritto alla zona di Pian due Torri( nella Magliana Nuova), ma si estese ben presto ad altri quartieri. Obiettivo della banda, infatti, fu fin dall’inizio quello di riunire la frastagliata e disarticolata realtà  malavitosa romana sotto un unico simbolo, assoggettando le varie “paranze” a un’ unica regia operativa. Un metodo che ricalcava quello fatto proprio  da Raffaele Cutolo a Napoli con la Nuova Camorra Organizzata e che a Roma aveva già avuto un illustre precedente: il Clan dei Marsigliesi. Questa banda, che agiva nella Roma dei  primi anni “70”, riuscì a imporsi rapidamente, conquistando l’egemonia sul fiorente traffico di droga della capitale e sulle altre attività illecite ad esso connesse. Tuttavia, il declino dei marsigliesi fu rapido quanto la loro ascesa e ciò favorì la nascita di quella che diventerà la prima( e forse) unica vera mafia capitolina. Come riferito da Antonio Mancini, l’idea di unire le forze venne a Nicolino Selis, intimo amico di Cutolo, ma fu il sodalizio criminogeno instauratosi fra Franco Giuseppucci, un buttafuori di una sala scommesse di Ostia con piccoli precedenti penali , Enrico De Pedis, capo della banda del Testaccio, e  Maurizio Abbatino, capo di una paranza di rapinatori della Magliana, a far decollare il progetto. Poco tempo dopo ci sarà il battesimo del fuoco della nuova banda, la quale metterà a segno il primo sequestro eccellente della sua storia. La sera del 7 Novembre 1977, infatti, nei pressi di via della Marcigliana, la banda rapisce il duca Massimiliano Grazioli Lante della Rovere. I sequestratori chiedono alla famiglia un miliardo e mezzo di lire per liberare l’ostaggio. Il riscatto viene poi pagato, ma l’ostaggio resta comunque ucciso perché ha visto in faccia uno dei rapitori. Da qui in poi sarà un crescendo di azioni criminali che in breve tempo consegnerà Roma al potere del nuovo gruppo criminale, inaugurandone così  la leggenda. Una leggenda alimentata dai molti misteri sulla banda e dai rapporti fra essa e apparati deviati dello Stato. Contatti opachi che portarono Giuseppucci e la sua banda a intessere relazioni con la politica e l’ alta finanza, senza trascurare le alleanze con le altre mafie presenti nel Mezzogiorno d’Italia e con la loggia massonica della P2. Sfortunatamente, complice la  prematura scomparsa di Giuseppucci “il negro”, ucciso in uno scontro a fuoco a Trastevere il 13 Settembre 1980 dal clan rivale dei Proietti, inizia il declino della banda e con essa restano avvolti nella nebbia molti segreti italiani. Dal caso Moro alla sparizione di Emanuela Orlandi sono infatti tanti i misteri che vedono una partecipazione, vera o presunta, della banda e dei suoi membri in tali vicende. Eppure, via della Magliana, anche dopo la decimazione della banda ad opera delle forze dell’ordine, ha continuato a far parlare di sé. Nel 1988 si verifica un nuovo fatto di sangue. L’autore è Pietro De Negri, titolare di un negozio per la pulizia dei cani( da cui il soprannome delitto del “canaro” dato dalla stampa al caso) con piccoli precedenti penali per furto e droga. Egli il pomeriggio del 18 Febbraio uccide un suo ex complice, il pugile dilettante Giancarlo Ricci, che da tempo lo ricattava al fine di estorcergli denaro per l’acquisto della droga. L’omicidio fu particolarmente cruento, perché De Negri attirò Ricci in una gabbia per il lavaggio degli animali dove lo torturò, lo mutilò di parti del corpo e poi lo uccise dando fuoco al cadavere. La scoperta dei resti avvenne l’indomani in un terreno vicino adibito al pascolo. Una volta esclusa la pista del regolamento di conti fra spacciatori, le indagini si concentrarono su De Negri. Dopo tre giorni il delitto del “canaro” aveva un colpevole, avendo De Negri confessato tutti gli addebiti senza mostrare peraltro alcuna forma di pentimento. Con l’arrivo degli anni “90” la Magliana scivola nell’indifferenza generale. Le cronache locali, complice il progressivo degrado di Roma negli ultimi anni, smettono di dare risalto agli episodi  criminali della zona. Oggi, similmente ad altri quartieri, la Magliana vive sospesa in uno stato di quiete apparente, scandita solo dal pigro e placido scorrere del Tevere. Al contrario sul racconto delle efferatezze compiute in passato si sono cimentati il cinema e la letteratura. Dal franchising di Romanzo Criminale( libro, film e serie tv) ai due film del 2018 sul delitto del “canaro”( Dogman di Matteo Garrone e Rabbia furiosa di Sergio Stivaletti) sono molteplici le opere che vedono in via della Magliana un teatro narrativo privilegiato. Narrazione che è riuscita nell’intento di trasformare la cronaca in storia e la storia in mitologia suburbana. Miti di cui in certi casi si farebbe volentieri a meno.

Afrika connection

A meno di un mese dalla morte dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, la strada per Goma si è tinta nuovamente di sangue. A venire ucciso questa volta, per tragica fatalità, è stato il magistrato titolare dell’inchiesta sulla morte dei nostri due connazionali. L’alto ufficiale, giudice militare presso la Corte di Goma, stava transitando sulla stessa strada in cui hanno trovato la morte Attanasio e la sua scorta. Si ritiene che come in precedenza l’agguato sia opera dei ribelli che operano in Congo, nella regione del Nord Kivu, e che le loro intenzioni non fossero dissimili da quelle che il 22 Febbraio scorso hanno portato alla morte di Attanasio e Iacovacci. Una storia questa, che avendo colpito noi italiani in prima persona, ha riacceso il dibattito sulla cosiddetta ” questione africana”. Si, perché il Congo non è l’unico Stato del Continente Nero ad avere le strade lordate di sangue innocente. Ciò che è avvenuto a Febbraio è la storia di tutti i giorni in Congo e in altri Stati dell’Africa profonda. Una storia che dalla fine del colonialismo ha visto proliferare dittatori sanguinari, signori della guerra, terroristi e mercenari di ogni tipo. Criminali  che vedono  nella guerra un’indebita fonte di arricchimento, idonea ad affermare il proprio potere su popolazioni stremate da guerre, malattie e carestie. Piaghe purulente che affliggono l’Africa da decenni e di fronte alle quali l’Occidente ostenta una sostanziale indifferenza. Eppure esso, nonostante il colonialismo sia finito da un bel pezzo, è ancora lì , a gestire le sorti del continente per mezzo delle sue aziende e delle sue multinazionali. Aziende che negli ultimi cinquant’anni hanno fatto lauti guadagni, sfruttando a proprio vantaggio il dramma africano e finanziando chi questo scempio glielo ha inopinatamente permesso. È accaduto in Ruanda, dove  è stato dimostrato che l’eccidio dei Tutsi da parte degli Hutu è avvenuto grazie ad armi fornite dal  Belgio e da altre nazioni europee. Genocidio che ha peraltro avuto notevoli ripercussioni sulla stabilità della regione e delle nazioni vicine( fra cui proprio il Congo). Idem è accaduto in Sierra Leone, dove la decennale guerra civile è stata finanziata dal traffico sia delle armi sia dei diamanti con i paesi occidentali. Risorsa quest’ultima di cui il paese è straordinariamente ricco e che è stata al centro del dibattito internazionale riguardo alla necessità di bloccarne il contrabbando( risoluzione 1306/2000 dell’ONU). Stesso scenario si è, ancora,  ripetuto nel 1992, in Somalia , quando in seguito alla cacciata di Siad Barre il paese è sprofondato nella guerra civile ed è stato necessario l’intervento delle Nazioni Unite per riportare la normalità ( operazione “Restore Hope”). Somalia che anche dopo la fine del colonialismo italiano e  l’instaurazione del regime di Barre ha mantenuto comunque saldi rapporti economici e commerciali con il nostro paese. Interessi che hanno continuato a persistere anche dopo la fine della dittatura e che hanno favorito il contrabbando delle armi e dei rifiuti tossici nel paese. Un caso questo che è stato al centro di inchieste prima giornalistiche e poi giudiziarie. Emblematica, in tal senso, è stata la vicenda dell’uccisione di Ilaria Alpi, giornalista del Tg 3, e del suo cameraman Miran Hrovatin. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, Ilaria Alpi, che era giunta nel paese per documentare lo svolgimento della missione di pace, si era imbattuta nei traffici illeciti fra l’Italia e la Somalia. Una circostanza questa, lo si scoprirà solo in seguito, appresa dalla  giornalista per mezzo di un funzionario del Sismi, Vincenzo Li Causi, in missione in Somalia. La notizia, invero, era già nota alla Cia e al Pentagono. Non a caso, infatti,  gli Stati Uniti si opposero fermamente alla partecipazione dell’Italia alla missione, in virtù dei rapporti opachi intrattenuti fin dalla fine degli anni 80 fra il governo italiano e quello Somalo. Sfortunatamente Alpi e Hrovatin non faranno in tempo a comunicare quanto da loro appreso, perché verranno assasinati in prossimità dell’ambasciata italiana a Mogadiscio il pomeriggio del 20 Marzo 1994. Da quel giorno numerosissimi sono stati i depistaggi e i tentativi di impedire l’emergere della verità. Una verità scomoda che, leggendo le carte processuali, avrebbe quasi sicuramente scoperchiato il vaso di Pandora ” dell’affare Somalia”, provocando un autentico terremoto. Terremoto evitato dalla morte dell’ inviata del Tg 3, ma che ha posto comunque in rilevo interessanti connessioni. Come quella relativa al coinvolgimento nell’omicidio dei nostri servizi segreti.  A  tal proposito,  a venire in rilievo è la figura del maresciallo Vincenzo Li Causi, informatore di Ilaria Alpi e figura chiave dell’inchiesta. Costui, morto nel Novembre 1993 in Somalia, a seguito dell’operazione Ibis II, era un agente segreto del Sismi ed esponente di spicco dell’organizzazione Gladio. Gladio, che come tanti altri misteri italiani del secondo dopoguerra, ha avuto un ruolo non trascurabile  anche in questa vicenda. Con molte probabilità, infatti, Gladio ebbe parte attiva nel coprire le attività italiane nell’ex colonia africana. Compito che l’organizzazione ha svolto fino al 1991 e che collega l’omicidio di ilaria Alpi a un altro omicidio ad esso di poco antecedente:  quello di via Poma. A tal riguardo, un’ipotesi non proprio peregrina sull’omicidio  di Simonetta Cesaroni,  adombra significativi dubbi sulla società per cui la ragazza lavorava come segretaria. Secondo tale teoria, l’A.I.A.G. altro non era che una fittizia agenzia turistica che copriva l’attività dei servizi all’estero( fra cui le attività in Somalia di Gladio). Una circostanza questa che non è mai stata approfondita e che, a distanza di trent’anni, non ha visto nessuna condanna per il delitto in questione, ma solo altri depistaggi. Depistaggi che, a giusto titolo, hanno meritato all’Italia il titolo di terra dei segreti e delle cospirazioni.

Una terra senza pace

Giovedì scorso, davanti alla sede della Camera, si è svolta la manifestazione organizzata dai sindaci calabresi contro il commissariamento della sanità regionale. L’evento, che ha riunito a Roma i rappresentanti dei comuni capoluogo di provincia e di altre municipalità importanti della regione, ha avuto come obiettivo quello di chiedere un intervento urgente del governo per superare lo stato di incertezza determinatosi in Calabria nelle ultime settimane. In particolare, i sindaci hanno chiesto al Presidente Conte di rimuovere la zona rossa in Calabria e di nominare un commissario idoneo ad affrontare l’emergenza sanitaria in atto. Ruolo questo che pare nessuno possa (o voglia) assumere e che ha dato luogo a un imbarazzante siparietto di nomine, subito  rimesse per i motivi più surreali e grotteschi. Episodi che hanno aggravato il quadro già precario di una regione con un sistema sanitario commissariato da più  di dieci anni a causa dei tagli e dei debiti accumulati dalle aziende ospedaliere. Una situazione drammatica che, tuttavia, solo la concomitanza di alcuni fattori inediti come l’emergenza sanitaria da Coronavirus e lo scioglimento anticipato della giunta regionale (dovuto alla morte del governatore Jole Santelli lo scorso Ottobre) ha fatto emergere in tutta la sua tragica dirompenza. Del resto, che la situazione sia grave e che avrà rilevanti ripercussioni sulla gestione del territorio lo si evince anche dalle parole pronunciate dai sindaci nel corso della manifestazione, parole che suonano come un disperato grido di aiuto in favore di una terra che sembra non trovare proprio pace. Per il Sindaco di Aiello Calabro e Presidente della Provincia di Cosenza, Francesco Antonio Iacucci, ad esempio “il governo ha dimostrato in questi mesi di avere a cuore la Calabria, sebbene riguardo alla sanità l’aspirazione degli amministratori è di tornare (dopo questo necessario periodo commissariale) a una gestione autonoma della sanità regionale, privilegiando gli investimenti pubblici nelle strutture ospedaliere a discapito dei tagli lineari fin qui attuati”. Sulla stessa linea si attesta il Sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, il quale ribadisce ” il no a un commissariamento che non sia a tempo, essendo compito specifico della prossima giunta regionale quello di migliorare la sanità e garantire il diritto alla salute per tutti i cittadini calabresi”. Abramo ha poi evidenziato come ” la cattiva gestione della sanità sia da imputare a nomine che negli ultimi anni hanno favorito gli amici degli amici e non  il merito e la competenza, fattori presenti in Calabria ma non giustamente valorizzati”. Concetto espresso, seppur con parole diverse, anche dal Sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, la quale ha sottolineato come con il commissariamento della sanità “la Calabria sia stata letteralmente espropriata del suo diritto all’autodeterminazione. Un buco di democrazia al quale è necessario rispondere, rivendicando il pieno diritto della regione all’autonomia e premiando la professionalità, la sobrietà dei medici e degli  amministratori”. I sindaci hanno poi preso le distanze, dichiarando la propria fiducia nella magistratura, da quanto accaduto a Catanzaro nelle ore precedenti alla manifestazione, dove si è verificato l’arresto del Presidente del Consiglio Regionale, Domenico Tallini. Una vicenda, che al di là o meno del suo buon esito, ha danneggiato ulteriormente l’immagine della Calabria. Domenico Tallini, infatti,  si trova agli arresti domiciliari ed è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e voto di scambio per aver favorito il clan crotonese dei Grande Aracri nell’ambito dell’inchiesta “Farma business”. Secondo la ricostruzione dei magistrati , Tallini, che era oggetto di indagine già dal 2014, da quando cioè era stato inserito nella lista dei cosiddetti “politici impresentabili”, avrebbe avuto un ruolo centrale nel sodalizio criminale instauratosi con il clan di Cutro. Suo sarebbe stato il compito di mantenere i rapporti fra istituzioni, massoneria deviata e criminalità organizzata per garantire i traffici illeciti della mafia. Egli, inoltre, avrebbe favorito, abusando della propria posizione, la sottrazione dei farmaci destinati ai malati terminali, alterando la rete di distribuzione e incrementando  così  il mercato nero dei medicinali. Proprio la gravità di queste accuse  ha contribuito a svelare le tante negligenze, le tante criticità di una terra sempre più abbandonata a se stessa, defraudata da chi avrebbe avuto il dovere di governarla con rispetto e amore. Un degrado ampiamente documentato dai servizi dei tg nazionali in questi giorni e che ha mostrato al mondo i tanti ospedali e presidi medici lasciati nell’incuria, strutture che non hanno mai aperto i battenti e che di fronte all’aumento dei contagi da Coronavirus avrebbero potuto funzionare ottimamente come reparti anticovid. Uno scempio perpetuato per anni, per decenni  e che ha investito tutti i settori di intervento della cosa pubblica. Lo si sta vedendo anche adesso con il nubifragio che ha colpito la provincia di Crotone, un fulgido esempio di pessimo governo del territorio che ci si aspetterebbe di non vedere replicato mai più, in Calabria come altrove. Il ritratto che emerge è desolante, quasi denigratorio nei confronti di quei tanti calabresi che hanno lasciato la loro terra d’origine per rendere grande il nostro paese. Ed è proprio a questi che le istituzioni dovrebbero rivolgersi affinché le cose cambino. Lo ha detto anche il Procuratore di Catanzaro Gratteri in questi giorni : per sconfiggere il duplice virus della malattia e della corruzione bisogna attingere alle energie migliori della terra calabrese, risorse che esistono ma che si trovano al di fuori di losche congreghe affaristiche. Solo così la Calabria avrà qualche speranza di rinascere, evitando di crollare in pezzi al minimo accenno di temporale (sanitario o meteorologico che sia).                                                                                                                                       Articolo di Gianmarco Pucci 

Due mondi molto vicini

Venerdì 16 Ottobre, la FAO, organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha festeggiato, nella sua sede di Roma, 75 anni di attività. La cerimonia, coincisa quest’anno  con la giornata mondiale dell’alimentazione, si è svolta in videoconferenza  a causa dell’emergenza Covid e ha visto la partecipazione di personalità di spicco delle istituzioni e del mondo dell’associazionismo. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per l’occasione ha inviato un videomessaggio in cui ha ricordato come quello che stiamo vivendo è un momento di scelte decisive per l’intero pianeta, laddove senza un serio impegno globale basato sul rispetto dell’attività agricola e l’uso responsabile delle risorse naturali non sarà possibile assicurare un sistema alimentare sostenibile nel prossimo futuro. Il capo dello Stato ha poi puntualizzato che senza un rafforzamento della cooperazione fra le nazioni, che coinvolga attori sia pubblici che privati, non si potrà efficacemente contrastare i problemi globali connessi allo sviluppo agricolo. Di qui l’auspicio di Mattarella affinché la Comunità Internazionale riscopra il senso profondo dei beni preziosi che la terra ci offre al fine di condividerli e custodirli per le future generazioni. L’appello del Presidente della Repubblica ha fatto da contraltare al duro monito del Papa, il quale ha denunciato come la distribuzione diseguale  dei frutti della terra sia non solo una tragedia, ma una vera vergogna. Secondo il Santo Padre essa sarebbe dovuta ai pochi investimenti effettuati nell’agricoltura, alle conseguenze dei cambiamenti climatici e ai conflitti presenti in molte aree del globo che bruciano ogni anno tonnellate di generi alimentari. Proprio questi ultimi due fattori, secondo gli ultimi rapporti diffusi dalle agenzie ONU, sarebbero fra le principali cause dell’aumento della fame nel mondo nell’ultimo triennio ( 821 milioni di persone ovvero un abitante su nove dell’intero pianeta). Le oscillazioni climatiche stanno, infatti, influenzando l’andamento delle piogge e delle stagioni agricole, dando anche luogo a fenomeni meteorologici estremi come siccità e alluvioni che danneggiano gravemente la produzione. Questi fenomeni sono poi alla base  della crescente piaga della denutrizione in molte zone del mondo, specialmente in quelle aree dove l’economia è ancora legata a sistemi agricoli tradizionali. Tuttavia, questo fenomeno che riguarda principalmente Sud America e Africa( e in misura minore l’Asia) rischia di non risparmiare nemmeno noi che viviamo nell’emisfero nord, poiché l’aumento sproporzionato delle temperature, alterando il grado di acidità delle piogge, arrecherà danni irreparabili alle culture di sussistenza come grano, riso e mais. Se si aggiunge poi che i danni all’ agricoltura contribuiranno a ridurre la disponibilità di cibo, favorendo un aumento indiscriminato dei prezzi dei beni alimentari e la creazione di oligopoli sul mercato, si comprende perché Papa Francesco ha affermato che quello della fame è una vergogna mondiale. Tuttavia, quando si parla di malnutrizione non si deve credere che ciò riguardi solo la denutrizione, essendo in crescente aumento, in molte aree del Nord America e dell’Europa Settentrionale, l’opposto fenomeno dell’obesità. Anche in questo caso  il prezzo elevato dei generi alimentari, dovuto a un difetto evidente nella catena di distribuzione delle risorse, che premia sul mercato  i grandi produttori a discapito di quelli piccoli, non permette a molta gente di accedere a un cibo per loro più salutare. Risulta, allora, evidente come si sia in presenza di un problema unitario, che a seconda delle condizioni assume una veste diversa, avvicinando due mondi lontani ma al contempo molto vicini. Un problema che pare, in definitiva, trovare il proprio comune denominatore  nell’aumento della povertà, nella diminuzione del redito medio pro capite e nella perdita del potere d’acquisto delle valute nazionali.  Non a caso, proprio la FAO ha segnalato come ormai da anni casi di obesità e denutrizione si verifichino indifferentemente tanto nei paesi ricchi che in quelli più poveri della Terra. Una chiara prova, dunque, della globalità del problema  e che come tale non può essere più ignorato da nessuno. Specialmente se si pensa che con il passaggio della Pandemia da Covid 19, la quale ha ingrossato le fila dei nuovi poveri, queste discrepanze saranno destinate a crescere. Sempre più persone, difatti, stando ai dati forniti dalla Caritas, rimaste  senza  lavoro  si affollano davanti alle mense sociali , elemosinando quel cibo che in tanti ancora sprecano. Occorre, dunque, un cambiamento radicale delle politiche alimentari che consenta l’accesso a un cibo sicuro e di qualità per tutti, privilegiando quelle filiere più sensibili a questi valori nutrizionali. Un sistema che favorendo l’agricoltura di piccola scala anziché quella intensiva praticata dalle grandi multinazionali dell’agroalimentare, rimetta al centro i diritti umani e la salvaguardia dell’ambiente. A onore  del vero sembra, comunque, che nella Comunità Internazionale  sia cresciuta la consapevolezza verso questo problema. Ne è una prova il conferimento del premio Nobel per la pace 2020 al programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite finanziato proprio dalla FAO. Un importante riconoscimento che non manca di evidenziare come senza cibo sufficiente per tutti non vi può essere prosperità e senza prosperità non vi può essere nemmeno la pace nel mondo.                                                                                               Articolo di Gianmarco Pucci 

Prove di sano sovranismo europeo

Sembra  ormai chiaro a tutti che il nuovo “Eldorado” dell’era digitale è rappresentato dalla “Data Economy”. Con ogni probabilità, infatti, tutto l’oro e il petrolio presenti attualmente sulla Terra non hanno il valore dei dati. Tuttavia, oro e petrolio presentano un valore correlato all’attività di ricerca, di trasformazione e trasporto che tali materie prime hanno alle loro spalle. I dati ,invece , sono messi gratuitamente ( e molto poco consapevolmente) a disposizione da noi utenti di smartphone, computer e altri “smart devices” che consideriamo, ingenuamente , essere al servizio della sola nostra utilità personale. In questo nuovo mercato 2.0 , una fetta molto appetibile è costituita dal settore del “cloud computing”. Basti pensare che il suo valore a livello globale è passato dai 242,7 miliardi di euro del 2016 ai 364,1 del 2019. Ma in questo settore i problemi non sono solo di carattere etico o legati all’ambito della privacy di ogni cittadino. Si tratta, a ben vedere, di una vera questione di interesse geopolitico, dal momento che la nuvola dei servizi risulta attualmente egemonizzata dagli Stati Uniti d’America, mentre si stima che la quantità dei dati industriali europei gestite da piattaforme cloud nei prossimi cinque anni quadruplicherà, rendendo evidente la necessità di gestire i servizi e i dati strategici a livello intercontinentale. Se si tiene conto poi del fatto che recenti previsioni economiche stimano che nel 2025 l’economia dei dati europei varrà poco più di 800 miliardi di euro, sorge spontanea una domanda: ” perché spedire tale tesoro oltreoceano?” Fortunatamente qui da noi, nel vecchio continente qualcosa si sta muovendo. Germania e Francia, infatti, sono le principali promotrici del progetto “Gaia X”. Si tratta di un’ associazione internazionale senza scopo di lucro, presentata al pubblico il 4 Giugno 2020, alla quale contribuiscono numerose aziende operanti nel settore, con lo scopo di garantire all’Europa una maggiore autonomia dai colossi della Sylicon Valley relativamente alla conservazione e la gestione dei propri dati in cloud. L’obiettivo è quello di costruire una piattaforma sicura in cui aziende, europee e non, possano operare fornendo servizi che rispettino regole e standard europei. I colossi High tech americani hanno già reagito, sferrando le prime contromosse. Ad esempio, il Ceo di Google Cloud, Thomas Kurian, ha rassicurato le istituzioni europee, affermando che il suo team sta già lavorando per offrire, attraverso la nuvola di Google, strumenti per gestire la sovranità dei dati. La partita del primo tentativo di sovranismo digitale europeo è ambiziosa e dai risultati estremamente incerti, ma la posta in gioco in termini economici e di sicurezza interna è fondamentale.                                                                                                                                                                                                                   Articolo di Manuel Galardo

Fratello uomo

Ieri, 4 Ottobre 2020, nel giorno dedicato alla celebrazione della figura di San Francesco d’Assisi, innanzi alla comunità francescana riunitasi  nel piccolo centro dell’ Umbria, Papa Francesco ha firmato la sua ultima Enciclica dal titolo quanto mai evocativo: “Fratelli tutti”. Nella sua Enciclica, il Pontefice richiama, oltre che importanti passi del Vangelo, soprattutto gli insegnamenti del Santo “poverello”, che fece dell’umiltà e della misericordia verso gli ultimi il tratto distintivo della sua predicazione. Proprio questi vengono rielaborati da Papa Francesco alla luce degli avvenimenti presenti  che hanno sconvolto la vita di tutti noi( in primis la Pandemia da Covid 19). La lettera, dall’ inequivocabile sapore francescano, si sofferma poi sulle principali problematiche di un mondo che sembra sempre di più cadere vittima del demone dell’autodistruzione. Questa tentazione nichilista, che nel nostro tempo prende le forme dell’intolleranza e della violenza cieca , si erge con protervia a contrastare la fratellanza fra gli uomini, negando l’importanza del dialogo fra le genti.  Si comprende, allora, perchè Papa Francesco, non mancando di esaltare la figura del santo di Assisi , che nel suo testimoniare la  fede mai ha fatto ricorso all’invettiva  dialettica, preferendo, al contrario,  la comunicazione gentile della parola di Dio, ha deciso di porre al centro del suo messaggio ai cattolici proprio la fratellanza fra gli uomini. Il Pontefice si è poi soffermato sul rapporto fra fede e politica, impiegando la metafora del Buon Samaritano che aiuta lo sconosciuto, il diverso per puro spirito caritatevole. Principio questo che dovrebbe, a detta di Francesco, guidare tutti i cristiani che rivestono funzioni di governo. Un chiarissimo invito, dunque, affinchè la politica  si prodighi, con abnegazione e spirito di servizio, per costruire una società  migliore. Infatti, per guarire un mondo iperglobalizzato come quello attuale servono risposte altrettanto universali, altrimenti non  vi potrà essere nessuna autentica innovazione. Tale cambiamento, se ci sarà,  non potrà che avvenire nel segno di una ritrovata concordia fra le persone, senza, quindi, alimentare odio e divisioni. A tal proposito il Santo Padre ha biasimato quelle ideologie, ribattezzate come populiste, che immaginando un mondo di muri e non di ponti di pace, finiscono per magnificare il materialismo del profitto e ignorare il tema della dignità umana. Ecco perché  la secca presa di posizione del Santo Padre contro il populismo  non può che essere vista, perlomeno a parere di chi scrive, come una autentica scomunica, nei fatti, di tutti coloro che falsamente si dicono cristiani, ma che in realtà usano la fede per seminare zizzania( che è poi la farina del Demonio e va sempre in crusca). Sempre alla politica spetta il fondamentale compito di lottare la povertà , colmando le disuguaglianze prodotte dalla società dei consumi e tutelando, soprattutto, il lavoro. Al riguardo, il  Papa ha elogiato i movimenti popolari impegnati nel sociale, auspicando un loro coordinamento unitario che spinga i cattolici verso un maggiore attivismo politico. l’ Enciclica ha poi posto l’accento sulle  istituzioni internazionali preposte alla tutela dei diritti umani e della pace globale come l’Onu. Il Papa ha ,infatti, sollecitato una riforma delle Nazioni Unite, chiedendo di dare maggiore peso alle deliberazioni di essa, poiché  solo la collaborazione amichevole fra le nazioni può risolvere i gravi problemi del pianeta come  la guerra e la fame. Relativamente alla prima Papa Francesco si è speso per chiedere una drastica riduzione delle armi nucleari e di quelle chimiche, le quali provocano più vittime fra civili innocenti che fra gli eserciti impegnati in operazioni militari. Per la seconda, invece, ha insistito sulla necessità di debellare la piaga della fame nel mondo, che uccide ogni anno milioni di persone, specialmente bambini, aggiornando i programmi umanitari esistenti per l’Africa e l’Asia. Infine, è tornato a condannare la pena di morte, chiedendone l’abolizione in tutto il mondo, perché in radicale antitesi con il messaggio evangelico che indica all’uomo la via del perdono e non della vendetta per ottenere giustizia. A conclusione della sua lettera, Papa Bergoglio si è poi soffermato sulle sofferenze patite dai cristiani perseguitati, ancora oggi, in molte parti del globo. In risposta a tale problema,  il Santo Padre ha elogiato quanti, in tutti i tempi della storia, si sono adoperati per la libertà religiosa, sacrificando la propria vita. L’Enciclica ha proprio menzionato figure importanti del secolo scorso come Martin Luther King e il Mahatma Gandhi, quali esempi di virtù cristiane. In definitiva, a prescindere dal credo di ognuno, le parole del Pontefice, toccando temi di drammatica attualità, non possono che essere condivise e ci lasciano un briciolo di speranza per l’avvenire. Francesco d’Assisi, infatti, nel suo insegnamento liturgico di amore verso il prossimo, ci ha trasmesso proprio l’importanza del valore della fraternità fra le persone, senza alcuna distinzione per fede o per razza. L’importanza del dialogo fra opposte visioni va, perciò, oggi riaffermato con più forza, prima che  contro il Coronavirus, contro un virus ancora più subdolo: quello dell’ indifferenza.                                                                                                                                 Articolo di Gianmarco Pucci

La sesta estinzione

“Oggi, la natura che ci circonda non viene più ammirata né contemplata ma divorata”. A dirlo questa volta è Papa Francesco, durante l’udienza concessa Sabato scorso alla comunità Laudato sì, nata su impulso del vescovo di Rieti, Domenico Pompili, e di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food Italia. Il Santo Padre ha poi proseguito il suo ragionamento , evidenziando come esista un innegabile equivalenza tra consumismo, sete di profitto e mancanza di sensibilità verso il Creato.  Non è la prima volta che il Pontefice si ritrova a intervenire su questo tema quanto mai cruciale per la nostra stessa sopravvivenza e per quella del pianeta che abitiamo. Nell’omonima Enciclica del 24 Maggio del 2015, il Papa ha espresso i medesimi timori nei riguardi di una natura sempre più minacciata dal nuovo paradigma di potere mondiale, fondato su un capitalismo tecnologico assai prepotente e incurante dei grandi problemi del mondo come la fame, il debito dei paesi più poveri e la conservazione del nostro ecosistema. A conclusione della sua Enciclica, Francesco ha impiegato la metafora, molto efficace, della Terra resa come un immenso deposito di immondizia , che per essere ripulita necessita di politiche, nazionali e locali, di rottura verso lo status quo. Un esplicito invito al cambiamento radicale dei nostri stili di vita, dunque. È sicuramente vero, come hanno sottolineano in molti, che mutamenti simili richiedono tempo per produrre effetti duraturi, ma perché allora non iniziare già da adesso a invertire la rotta, immaginando un futuro diverso da quello che sembra oggi toccarci in sorte? perché non impegnarsi già da adesso nel favorire   questa transizione a un paradigma socio-economico più sostenibile, come sancito a chiare lettere dall’Accordo di Parigi del Dicembre 2015 e di cui il mondo ha disperatamente bisogno? ad esempio, per ciò che concerne il riscaldamento globale, è scientificamente accertato come la temperatura media della Terra è andata via via aumentando di circa un grado centigrado nell’ultimo secolo, producendo danni ingenti alle culture e all’allevamento soprattutto di quelle aree della Terra ancora legate a un economia agricola. Inoltre, l’aumento di energia accumulata nell’atmosfera è stata propriamente ritenuta la principale causa del verificarsi, sempre più frequentemente, di eventi meteorologici estremi(tifoni, uragani, sbalzi di calore e di umidità). Nonostante tali evidenze, c’è però chi si ostina a negare la rilevanza della questione, ritenendola un fake news, una menzogna costruita ad arte da eco-terroristi nemici del progresso e del benessere dell’uomo. Poco importa, pertanto, che la realtà dei cambiamenti globali sia già sotto i nostri occhi come si evince da alcuni dati: scioglimento dei ghiacciai, sia polari che di montagna, che si stanno gradualmente riducendo e mettendo a repentaglio la sopravvivenza di intere specie vegetali e animali(è notizia di oggi che stanno drasticamente diminuendo i parassiti nell’Artico, principale fonte di sostentamento di alcune specie a rischio di estinzione), con conseguente aumento della temperatura in tutto l’emisfero; innalzamento del livello dei mari, poiché il ghiaccio sciogliendosi fa aumentare il livello delle acque con progressiva sommersione delle terraferma( per non parlare dell’aumento del rischio di maremoti e terremoti a causa della sollecitazione delle placche tettoniche); acidificazione dei mari a causa dell’anidride carbonica che contamina le acque arrecando danni a molluschi, conchiglie e coralli; desertificazione, problema che riguarda da vicino i paesi del Mediterraneo come il nostro, dove l’aumento della siccità danneggerà  gravemente l’agricoltura e favorirà le migrazioni di uomini, animali e piante verso altitudini maggiori, causando temporanei scompensi negli ecosistemi( tipo invasioni di insetti e cavallette). infine, la diffusione crescente di agenti patogeni, suscettibili di aggredire prima le specie animali e le piante per poi passare all’uomo. Si è già verificato con l’importazione di alcune malattie delle piante come la Xyllela, definita dall’Académie d’agricolture de France come “la peggior emergenza fitosanitaria al mondo”, la quale ha pesantemente danneggiato in Italia e Grecia il raccolto degli olivi e di altre piante da frutto. Anche la pandemia da Coronavirus, originatasi da un Pipistrello e trasmesso all’uomo, è un sintomo tangibile di tali mutamenti in atto e del impatto sempre maggiore di questi sulla nostra salute. Dunque, proprio l’emergenza che stiamo vivendo dovrebbe fare risuonare nelle nostre menti un  campanello d’allarme sull’avvenire,non molto roseo in verità, che ci attende. Si avverte, infatti,  la necessità di intervenire, pervicacemente, per arrestare la crisi climatica prima che sia troppo tardi. Non c’è purtroppo quasi più tempo! chi continua a negare la verità si rende complice del più grande genocidio ai danni del genere umano, avviandoci verso quella che dopo l’ultima era glaciale rischia di essere la “sesta estinzione di massa”. Non si può ,pertanto, non condividere l’appello di Papa Francesco alla mobilitazione per salvare la nostra amata madre Terra, in perfetta sintonia con quell’insegnamento ecumenico di amore universale cristallizzato nella dottrina cristiana  dal Cantico delle Creature di san Francesco d’Assisi. Opera quest’ultima che andrebbe riletta non tanto per la sua indubbia bellezza stilistica ma per la profondità del suo messaggio, da cui si evince che noi siamo chiamati a custodire e rispettare il Creato senza alterarne la sua vitale funzione.

Storie di ordinaria follia

Nella notte fra Sabato e Domenica, a Colleferro, piccolo comune a sud di Roma, si è verificato l’ennesimo , spiacevole fatto di sangue che ha visto per protagonista un giovane di poco più di vent’anni, rimasto vittima della violenza di un gruppo di coetanei. Il giovane ,Willy Monteiro Duarte,di origine Capoverdiana , è morto in ospedale in seguito ai calci e ai pugni ricevuti dai componenti del branco, posti in stato di fermo  dai carabinieri  subito dopo l’aggressione. Gli aggressori , non nuovi a episodi di violenza, non si erano mai spinti fino al punto di uccidere, sebbene chi in paese li conosce bene afferma che questa era una tragedia, purtroppo, annunciata. L’opinione pubblica si è in particolare scagliata contro i capi del gruppo,  i fratelli Gabriele e Marco Bianchi, di 26 e 24 anni, conosciuti in zona per il loro temperamento brutale e per i loro precedenti penali( lesioni e spaccio di droga). Subito dopo la notizia del loro arresto, infatti, I social dei due fratelli sono diventati bersaglio di minacce e insulti, rivolte anche ai loro familiari e alla compagna di uno dei due, che fra l’altro è anche incinta. Odio chiama odio ,insomma, in un mondo sempre più interconnesso la realtà virtuale è diventato il luogo in cui si coagula la rabbia e si manifesta il lato più bestiale dell’animo umano. Ciò vale sia per gli assasini che per gli hater, che giudicano e condannano nascosti dietro una tastiera, omettendo di porsi, risucchiati nel vortice del proprio livore, due domande fondamentali: chi erano queste persone? Perché hanno fatto questo? Da ciò che si evince dai loro profili social, emerge il ritratto di una gioventù bruciata, figlia di una società malata la quale idolatra l’io in ossequio a un ideale estetico tanto effimero quanto feroce. Tatuaggi, palestra, macchine e vestiti firmati compendiano il desolante vuoto a perdere della vita di costoro, vite senza scopo per cui anche la violenza finisce per perdere significato. Ma in tutto ciò dove finiscono le loro colpe e iniziano le responsabilità della società che li ha allevati? Perché è certo che loro, rei di aver commesso il più atroce degli abominii, non sono sicuramente nati in questo modo ma lo sono diventati. In nome di un artificioso progresso negli ultimi decenni si è privato l’uomo dei suoi punti riferimenti, lo si è fatto diventare un automa che assorbe tutto ciò che viene propagandato dai Media e quindi anche i suoi modelli più volgari e diseducativi. Basta accendere la tv, ascoltare la radio o qualsiasi altra fonte di informazione per rendersi conto che la violenza  è ovunque, propagandata e amplificata fino alla nausea, fino a renderci insensibili al dolore. Homo homini lupus dicevano i Latini e questo è diventato propriamente il paradigma in cui si declina il nostro mondo. Infatti, senza più un principio etico e morale che lo guidi, senza più vincoli affettivi e familiari, l’uomo da essere razionale si tramuta in bestia,rendendosi reo delle più inaudite scelleratezze. In tale contesto , ciò che avvenuto a Colleferro non è altro che il sintomo di un male molto più complesso, una storia di lucida e ordinaria follia da cui traspare il ritratto di un umanità afflitta da un profondo malessere esistenziale. Malessere di fronte al quale l’uomo è sempre più impotente, smarrito perchè non in grado di percepire e quindi discernere ciò che è positivo da ciò che è per lui nocivo. È  in buona sostanza un problema culturale come ha sottolineato di recente anche Openpolis che, nell’analizzare le cause del disagio sociale , ha evidenziato come scarsa istruzione e povertà siano fra i principali fattori del degrado e dell’induzione al crimine. Il sonno della ragione genera mostri, dunque, e l’ignoranza è uno di questi e tocca allo Stato combatterla nel modo più efficace possibile. Difatti, sempre nello studio che è stato pubblicato si faceva appello alle Istituzioni affinché intervengano nel modo migliore  a ridurre le disuguaglianze sociali e a contrastare, con norme adeguate, la piaga dello spaccio di droga,  la quale ha assunto proporzioni spaventose nel nostro paese anche a causa dello sfruttamento di esso da parte delle mafie. Motivo quest’ultimo più che sufficiente per non sottovalutare il problema e per contribuire a  riaffermare ,cristianamente , la superiorità della forza creativa della vita su quelle che Fromm definiva  le pulsioni di morte.

©2020 Nuove Frontiere. Tutti i diritti riservati

Vai su ↑